g.plexux

31
Ago 16
ilmiolibro.it

la mente non pensa...è pensata....la mente non pensa... mente.....






crea EVEntux




Già essere lì esserlì già è là dell'essere Gestellepifenoumeno'ontologicO RadurAblu epifenoumeno GestellEVEntux'ultimoevento interevento-della-scienza eventua'è dall'evento'ultimaPaN'ontology epifenoumenica epinoumenicontology là vi è metaontologia èstatica Vi è Schema ontologicamenx evenTUa Per essere al dilà Vi è ontopoiesix Là Al dilà tempora eventua eventuAevento Là in sé ultimeventO'ultimeventua ultimoEvEntUxdell'essere. EsserevEntux là Vi'è ontopologievento vi è C'è eventotempora evento-eventua-dal-nulla senzaperché Evento è l'eventux Vi è c'è la metafisica-della-natura là ontologia-dell'Essere-là exstasixdell'essere




epiparadossontologica Essere-in-essere di per sé Di là ONToPology crea Eventità al di là radurablUdell'essereLà c'è sovraexsistenza intereventità. L'intereventità intereveNtuX interevento vi è senzaperché vi è dà intereventux essercinterevenTo sovr'esistenza SenzaPèrché Ontology sovrexsistenx sovraexSistenxinterevento




EvEnto dello spazioEssere ex nihilx è EvEnTo d'epifenoumenico già fondamento ultimo creatività è ultimEvEnTo dello spaziotemporA EvEnTo-spazio è creatività vi è Spaziovuoto-è EvEnTO vuoto è epiparadossa vuotospazio vuoto`nulla 'esserEvEnTO spazionulla'spazio EvENTO nihilxspaziotemPo È EvENTO dell'essere. In sé EsserespazialEvENTO'ultimo è GestellEvENTO-Creatività spazio-Creatività spaziointerEvENTO è epifenoumeno è epievento fenoumeventessere dà la creazionEvENTO crea eventa È eventità al di là è interpretEvENTO è epifenoumenalEvENto che crea. essere considerato come l'apertura di un nuovo ciclo di creazione dopo la




 




il completamento del suo predecessore - l'emergere di uno scopo fresca. (P.46)




 




Le implicazioni di scenari dell'universo inflazionistiche presentati da Linde e altri per un




 




interpretazione darwiniana della genesi cosmologica (Smolin, 92) sono descritti da Morris




 




(1990) come segue:




 




nuovi universi potrebbero essere creati fuori lo spazio vuoto all'interno di universi che già esistono. In altro




 




mondi, è possibile che universi potrebbero riprodursi.




 




L'idea che gli universi potrebbero riprodursi, che potrebbero iniziare le fluttuazioni quantistiche




 




in universi preesistenti, sembra essere un .. fruttuosa ipotesi, dal momento che potrebbe facilmente avere




 




conseguenze osservabili. Ci potrebbe essere un modo che abbiamo potuto vedere universi nascere. (P.177)




 




Per di più,




 




è possibile che ci potrebbe essere una specie di `codice genetico 'che causerebbe universi figlia a




 




assomigliano ai loro genitori. Anche in questo caso, ci potrebbero presumibilmente `mutazioni. Il nostro universo, per




 




esempio, potrebbe essere un discendente mutata di un universo in cui le leggi della fisica erano solo diverso




 




basta che la creazione della vita era impossibile. (P.180)




 




Su questo schema, sia la tradizionale ex nihilo massime sono sostenuti: ex nihilo Nihl fit , (che




 




è, nulla viene dal nulla o, in alternativa, qualcosa viene da qualcosa) con




 




rispetto al globale relazione tra `genitore 'e` bambino "universi; creatio ex nihilo (o




 




creazione dal nulla), rispetto al locale relazione tra tali universi. (Globale




 




relazioni coinvolgono movimenti da universi a universi mentre le relazioni locali comporta




 




movimenti da uno spazio vuoto all'interno di universi alle loro universi `prole"). Tuttavia,




 




È possibile che questo schema - che è stato anticipato da Peirce (Sheldrake, 88) - è problematico in quanto




 




tenendo leggi fisiche per essere creazioni immanenti di processi naturali che si verificano nel tempo




 




piuttosto che principi eterni trascendenti (idee platoniche) porta ad una delle due




 




possibilità per quanto riguarda il processo evolutivo stesso: o (1) il processo è in sé




 




evolutiva origine, nel qual caso la possibilità di un regresso infinito di meta-




 




I processi si pone; o (2) il processo evolutivo è non-evolutiva (Rescher, 96), in




 




qual caso l'universalità del principio è compromessa in quanto non è auto-referenziale.




 




Secondo Davies (1983),




 




 




 




pagina 33




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




ciò che è generalmente considerato come `l'universo 'potrebbe in realtà essere solo un frammento staccato dello spazio-tempo.




 




Ci potrebbero essere molti, anche un numero infinito di altri universi, ma tutti fisicamente inaccessibile ai




 




gli altri. Con questa definizione di `dell'universo ', la spiegazione per il nostro cosmo non si trova al suo interno -




 




si trova al di là. Non comporta Dio, solo lo spazio-tempo e qualche meccanismo fisico piuttosto esotico .




 




[Così,] tutto ciò che possiamo, in linea di principio, percepire nel nostro universo potrebbe ancora essere stato creato da




 




naturale provoca un tempo finito fa, e .. cosa (se mai) si trova al di fuori del nostro spazio-tempo non può essere




 




interamente soprannaturale [enfasi aggiunta]. (P.42)




 




Tuttavia, se è presente il meccanismo `piuttosto esotico fisico ', deve partecipare dell'Essere;




 




Di conseguenza, mentre potrebbe essere possibile escludere un ontical (causale) Dio da




 




considerazione, essendo in quanto tale non si può escludere così. Che Davies si arriva ad un




 




conclusione simile è evidenziato dai seguenti dichiarazioni:




 




supponiamo che i cavalli erano sempre esistiti. L'esistenza di ogni cavallo sarebbe causalmente spiegato da




 




l'esistenza dei suoi genitori. Ma non abbiamo ancora spiegato il motivo per cui ci sono i cavalli a tutti - perché ci sono




 




cavalli piuttosto che nessun cavallo, o meglio di unicorni, per esempio. Anche se potremmo essere in grado di trovare




 




una causa per ogni evento (improbabile in considerazione degli effetti quantici), ancora si sarebbe lasciato con il mistero




 




del perché l'universo ha la natura lo fa, o perché non vi è alcun universo [o cosmo] a tutti. (Pp.42-43)




 




Fisica può forse spiegare il contenuto, l'origine e l'organizzazione dell'universo fisico, ma non il




 




leggi (o superlaw) della fisica stessa. (P.216)




 




La fisica quantistica deve esistere (in un certo senso) in modo che una transizione quantistica può generare il cosmo




 




innanzitutto. Molti scienziati ritengono che la questione del perché le leggi della fisica sono quello che




 




sono in senso, o almeno non può rispondere scientificamente. (P.217)




 




Tuttavia, la questione Perché c'è qualcosa piuttosto che niente? è un significativo




 




domanda (anche se uno non scientifica) per il seguente motivo: onticamente di lingua, sia




 




l'universo è categorialmente-chiuso o è categorialmente-aperto. Indipendentemente da quale




 




scenario è fattualmente corrette, creatio ex nihilo verifica e richiede una spiegazione. Questo è




 




perché l'emergere di categorie che sono onticamente irriducibile (o discontinuo




 




da) altre categorie precedenti - per esempio, ontologico-soggettività come emergente da un




 




substrato ontologicamente-obiettivo (capitolo 7) - implica l'insorgere di tali categorie




 




dal nulla (sezione 6.4.2.3). Tuttavia, se questo non è relativistica (equivalente




 




a ontical non-essere) o resti assoluti da stabilire (punto 6.5.5).




 




E 'importante notare che l'interpretazione computazionalista di evoluzione darwiniana è




 




a terra in un genocentric (o gene-centrato) vista del processo. Secondo Dawkins




 




(1995), "la vera funzione di utilità della vita, ciò che viene massimizzato nel naturale




 




mondo, è la sopravvivenza del DNA. "(p.123) Williams (1996) sostiene questa posizione, che descrive il




 




tesi di sopravvivenza nei seguenti termini:




 




sopravvivenza fisica è normalmente significativo nell'evoluzione solo se aumenta la probabilità o




 




estensione della [genetica] riproduzione. (P.59)




 




Pertanto, non è la costante fisica sopravvivenza degli esseri che è la forza trainante




 




 




 




pagina 34




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




evoluzione, ma piuttosto la sopravvivenza del informativo DNA. Tuttavia, deve essere apprezzato




 




che questa posizione deriva da concepire ereditarietà in esclusiva termini genetici che




 




presta sostegno alle affermazioni computazionalista quali "l'ereditarietà non è solo particolato ma




 




digitale "(p.50). Questo account genocentric dell'ereditarietà è problematico perché ignora (1)




 




il fatto esistenziale che il complesso meccanismo biochimico della cellula è anche, di




 




la necessità , ha ereditato durante la riproduzione e (2) la possibilità che questo `macchina 'è




 




analogico (in contrapposizione a digitale) in natura.




 




La posizione genocentric ha una serie di importanti implicazioni per l'evoluzione. Per




 




esempio, Dawkins (1995) sostiene che "il DNA né si preoccupa e non lo conosce. DNA semplicemente è.




 




E balliamo per la sua musica. "(P.155) Su questa base si è portato a sostenere che




 




l'universo che osserviamo ha proprio le caratteristiche che dovremmo aspettarci se non vi è, in fondo, nessun disegno,




 




senza scopo, il male, e non va bene, altro che cieco, l'indifferenza spietata. (P.155)




 




Keller (1991) sottolinea che la natura piuttosto che permettere ad essere purgata del suo storicamente




 




carattere animistico e ripensato in termini neutri, tali concezioni individualistiche




 




il rapporto organismo-ambiente tacitamente promuovere l'interpretazione della natura come il




 




"Ostile" `altri '. Che questo è davvero il caso può essere dimostrato confrontando brevemente




 




Darwinismo con una tesi evolutiva altrettanto se non più individualistica a causa di




 




Nietzsche. Secondo Stern (1979), per Nietzsche, la vita "non è un semplice desiderio a sopravvivere,




 




ma un voler crescere "(p.109), che Schacht (1983) definisce" la valorizzazione del




 




Capacità tranformative [di un organismo] nel contesto delle sue relazioni attuali ad altre




 




sistemi. "(p.248) Stern prosegue affermando che




 




vita è la forma duratura di tutti i processi in cui la forza stessa e in cui diversi manifesta




 




contendenti crescono diseguale; è il tentativo di comprendere e sottomettere quanto in suo potere, e




 




essa trae piacere e un senso di benessere da solo quel processo. (P.110)




 




Per quanto riguarda la dottrina della sopravvivenza del più forte, Stern sottolinea quanto segue:




 




Alla domanda, `Fittest per cosa? ' Darwin rispondeva `per la sopravvivenza ', ma a Nietzsche questo non è un




 




ovvia risposta: perché dovrebbe l'idea di mera sopravvivenza fornire una teleologia più valida rispetto, ad esempio,




 




`Desiderio del organismo vivente per scaricare la sua forza ', vale a dire, la sua` volontà di potenza'. (P.111)




 




Schacht (1983) sostiene questa tesi, sostenendo che




 




è errato supporre che le risposte .. sono fatte solo lungo le linee che servono per realizzare la (ri) -




 




creazione di equilibrio interno ed esterno, e per garantire autoconservazione nella misura in cui




 




si verificano. Essi sono più appropriatamente considerati semplicemente come casi particolari o aspetti parziali di




 




quelle forme più ampie di attività e di interazione che rendono collettivamente i processi




 




della vita una questione di crescita e declino. L'affermazione di trasformazione e contro-asserzione coinvolgono




 




è distruttiva così come produttivo di ordine e di stabilità; e la loro tendenza generale è verso la




 




trascendenza piuttosto che la perpetuazione di modelli esistenti. (P.243)




 




il pensiero di Nietzsche fornisce la base per la critica sia la nozione di `egoista '




 




 




 




pagina 35




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




In questo caso, l'origine, incipience o poi




 




UN'




 




sis (coming-via) della competitività.




 




34




 




replicatori (Dawkins, 95) e cosmologie darwiniane (Smolin, 97) dal momento che, a suo avviso,




 




secondo "primato nel regno della vita ad un procreativo impulso .. soffre dello stesso




 




doppio effetto come fa l'ipotesi di autoconservazione, di attribuire ad un ultimità




 




principio che è allo stesso tempo teleologica e superfluo ". (p.244) Nietzsche sposta il locus




 




dell'evoluzione della specie per l'individuo, sostenendo che auto-replica è




 




in emergenza a terra nella volontà di potere e che "la procreazione è la conseguenza di




 




un impotenza [che rende necessaria una funzionalità organizzativa distribuita]. "




 




(P.245) Su questa base, si è portato a presentare in alternativa al convenzionale (darwiniana)




 




interpretazione delle utility:




 




`utile 'per quanto riguarda l' accelerazione del ritmo di evoluzione è un diverso tipo di` utile' da quella




 




per quanto riguarda la stabilità la massima durata e di ciò che si è evoluto [enfasi




 




aggiunto]. (P.246)




 




Per Nietzsche, l'essenza della vita è la volontà di potere, che è, l'unità di stabilire e




 




mantenere la superiorità dell'individuo (auto) sul collettiva (altro). Quindi il




 




implicazioni negative (per natura) di "lotta" tra organismo e envronment




 




culmina in una metafisica e visto tipicamente individualista versa. come Keller




 




(1991) afferma:




 




gran parte della teoria evolutiva contemporanea si basa su una rappresentazione del `individuo '- sia esso il




 




organismo o il gene - che è lanciato nella particolare immagine dell'uomo che potremmo definire la `uomo hobbesiano ':




 




contemporaneamente autonoma e opposizione, connesso al mondo in cui si trova non dalla




 




la promessa di vita e di crescita, ma soprattutto dalla minaccia di morte e la perdita, la sua più importante necessità di essere




 




la difesa dei suoi confini. (P.87)




 




Lei continua ad affermare che "la stessa mossa che definisce l'interesse e l'altruismo come




 




logicamente opposti rende l'indipendenza [cioè, l'autonomia] virtualmente indistinguibile




 




dalla concorrenza. "(p.89) Ancora una volta,




 




così automatico è l'associazione tra scarsità e la concorrenza che, in un uso ecologico moderno,




 




la concorrenza è venuto per essere definito come l'affidamento simultaneo di due persone, o due specie,




 




su una risorsa essenziale che è in quantità limitata .. Dal momento che la scarsità di risorse può essere per sé difficilmente




 




messo in discussione, tale definizione si presta alla concorrenza lo stesso status a priori. (P.90)




 




E 'una breve pena considerando la (possibile) base storica per la vista che il




 




organismo-ambiente (o, più in generale, l'auto-altro) relazione è competitivo




 




al contrario di cooperativa in quanto si tratta di una questione riguardante le origini, incipence e, di conseguenza,




 




poi




 




UN'




 




sis (diventando, coming-indietro, portando-via). Fondamentalmente, sembra che la




 




34




 




problema si risolve ad una differenza nell'interpretazione di opposizione : Nella filosofia occidentale,




 




forze naturali sono tenuti ad essere in conflitto , una vista che può essere fatta risalire al Eraclito




 




(Heidegger, 59); Nella filosofia orientale, al contrario, e in particolare nel Taoismo, come ad




 




forze ritenuti complementari , cioè in sintonia (W, 75). Queste posizioni possono




 




 




 




pagina 36




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




Tuttavia, la posizione di Searle (1995) è di per sé problematico dal momento che è impossibile stabilire che la natura è non




 




35




 




teleologico. Ciò deriva dal fatto che la natura è il dato , cioè la onticamente priori rispetto alla




 




umana artefice-interprete e, di conseguenza, il suo stato teleologica non può essere determinato in qualcosa di diverso da un




 




epistemicamente a posteriori senso, cioè, osservatore-relativisticamente (capitolo 7).




 




essere riconciliati (cioè resi commensurabili) se sono interpretati epistemologicamente,




 




cioè. conflitto come endosystemic e l'armonia come exosystemic.




 




L'evoluzione tramite la selezione naturale è stata contestata su una serie di motivi. Per esempio,




 




secondo Ho et al. (1988),




 




il rapporto tra organismo e ambiente forma un insieme continuo di sviluppo:




 




processi fisiologici che generano variazioni sono a loro volta messe in moto dalla cosiddetta `selettivo




 




forze 'per l'ambiente in modo che raramente è possibile dire dove variazioni end e selezione




 




inizia .. Non c'è separazione rigida tra un fenotipo somatica che varia e una linea germinale




 




genotipo è soggetto alla selezione; di conseguenza, la distinzione tra la variazione e naturale




 




selezione è priva di qualsiasi fondamento ontologico ferma. Nella maggior parte dei casi il concetto di selezione naturale è semplicemente




 




abusato. (P.5)




 




Su questa base si contestano la validità del riduzionismo genetico, sostenendo che "genetica




 




codificando meccanismi sarebbero inutili sono stati lì non funzioni vitali, come irritabilità




 




e il metabolismo, da codificare "(p.7), e sostenere l'adozione di una biologia strutturalista:




 




Non casualità implica un determinismo locale, ma non un determinismo meccanico o laplaciano. In altro




 




parole, non porta a finalità, o stato finale unico. Chance e infortuni saranno ancora attesi




 




a svolgere un ruolo, altrimenti non ci sarebbe stata una diversità di proteine, organismi, organizzazioni sociali




 




e culture. Il problema con il neo-darwinismo, non è che si pone l'accento esclusivo sul caso o




 




incidente nella generazione di variazione, ma che ignora tanto (o non tiene esplicito




 




account) eventuale struttura dello spazio di probabilità, che facciano nella nascita della vita




 




o nell'evoluzione di organismi e organizzazioni sociali. (Pp.7-8)




 




Come detto in precedenza, Ho e Saunders (1982) sostengono che "l'approccio neo-darwiniana per




 




l'evoluzione è esclusivamente teleologica. "(p.86) Tuttavia, Searle (1995) sostiene che il




 




nozione di funzione nelle spiegazioni teleologiche è antropocentrica, più precisamente, che




 




è osservativamente-relativistica e, di conseguenza, artefatti (o istituzionale), mentre l'evoluzione,




 




al contrario, è un processo naturale e, di conseguenza, non teleologica (anche se funzionale). Ho




 




35




 




e Saunders andare ad affermare che




 




Darwiniana della selezione naturale dipende da quanto segue: (1) la presenza di variazioni ereditarie nelle




 




organismi individuali; (2) il potenziale di Malthus (cioè geometrica) aumento della popolazione; (3) la




 




limitazione delle risorse nell'ambiente. Date queste condizioni, ci sarà competizione per




 




sopravvivenza e la riproduzione in cui le varianti più adatti alla fine vincerà. Questo porta ad un




 




miglioramento nell'adattamento delle specie oltre un certo numero di generazioni, e se il processo è




 




continuato (soprattutto se vi è un cambiamento nell'ambiente), ci sarà una trasmutazione graduale




 




di specie. (P.86)




 




Essi sostengono che il darwinismo è impegnata a due presupposti metafisici, vale a dire. (io)




 




 




 




pagina 37




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




efficiente (o esterno causalità) e (ii) tychism (vale a dire, casualità o del caso):




 




[T] egli essenza della teoria di Darwin è che la causa efficiente (che sostituisce la causa finale) di




 




evoluzione è esterna all'organismo: qualunque scopo o motivo apparente negli organismi sono esclusivamente




 




il risultato di variazioni casuali e la necessità della lotta per la sopravvivenza. (Pp.88-89)




 




Per quanto riguarda l'interpretazione dell'evoluzione in meccanicistico (o onticamente-esternalista)




 




termini, Whitehead (1926) afferma quanto segue:




 




una filosofia evolutiva approfondita è in contrasto con il materialismo. La roba aborigeni, o




 




materiale, da cui parte una filosofia materialista è incapace di evoluzione. Questo materiale è in




 




stessa sostanza finale. Evolution, sulla teoria materialistica, è ridotto al ruolo di




 




un'altra parola per la descrizione dei cambiamenti delle relazioni esterne tra porzioni di materia.




 




Non c'è niente di evolvere perché una serie di relazioni esterne è buono come qualsiasi altra serie di esterni




 




relazioni. Non ci può essere semplice cambiamento, inutile e unprogressive. Ma il punto della




 




moderna dottrina è l'evoluzione del complesso organismo da stati antecedenti di meno complessa




 




organismi. La dottrina grida così ad alta voce per una concezione di organismo fondamentale per la natura.




 




(P.130)




 




Per quanto riguarda il ruolo del caso nella produzione di varianti e la sua relazione al




 




meccanismo della selezione naturale, Dawkins (1986) sostiene che




 




variazione e lavoro di selezione insieme per produrre l'evoluzione. Il darwiniana dice che la variazione è




 




casuale nel senso che non è diretto verso il miglioramento, e che tendenza




 




miglioramento nell'evoluzione proviene dalla selezione.




 




[Questo] non vi è alcun pregiudizio nella variazione mutazionale che viene offerto per la selezione .. solo che significa




 




mutazione non è polarizzato sistematicamente nella direzione di miglioramento adattativo. (P.308)




 




Tuttavia, Williams (1996) sostiene che "le storie adattazionista non sono sull'evoluzione




 




così tanto come sulla sua assenza. "(p.26) La pragmatica (contingente) effetto di naturale




 




selezione è descritta come segue:




 




Ora sappiamo, da esperimenti abbondanti sul potenziale evolutivo degli organismi viventi, che




 




sono capaci di evolvere molto più rapidamente di quanto normalmente osservato oggi o reperita fossili




 




disco. Ciò che la selezione naturale fa principalmente è quello di abbattere le partenze dal momento ottimale




 




sviluppo delle caratteristiche mostrate da organismi. (P.43)




 




Così, "il processo proposto da Darwin come la principale causa dell'evoluzione ora si pensa




 




di operare principalmente a prevenire evoluzione. "(p.44) Ciò è coerente con le posizioni in cui




 




il ruolo della selezione naturale come forza generatrice di evoluzione è contestata. Per




 




esempio secondo Ho e Saunders (1982),




 




dal momento che la selezione naturale dipende dall'esistenza di variazioni, il vero meccanismo di evoluzione deve trovarsi




 




nei processi in cui variazioni vengono generati. Insistendo che le variazioni sorgono a caso, o




 




per puro caso, neo-darwinisti hanno efficacemente bandito dalla ricerca scientifica




 




del tutto. (P.90)




 




 




 




pagina 38




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




Nagel (1997), nella difesa della razionalità contro epistemologia evolutiva, è portato a ritenere che "la




 




36




 




il riconoscimento di argomentazioni logiche come indipendente valido è un presupposto dell'accettabilità di un evolutivo




 




storia circa la fonte di tale riconoscimento. Ciò significa che l'ipotesi evolutiva è accettabile solo se




 




la ragione non ha bisogno il suo sostegno. Al massimo si può mostrare il motivo per cui l'esistenza della ragione non deve essere biologicamente




 




misterioso. "(p.136)




 




Sherman (1997) sostiene che "` caso 'è la delusione del naturalista con le parti




 




del mondo che non può essere controllato. `Design 'è l'affermazione del mondo sia in




 




le aree che capiscono e quelli che non lo facciamo. "(p.9) Contestando l'adeguatezza del




 




`Caso e necessità 'o variazione e selezione tesi, Fagerström et al. (1996) mantenere




 




quella




 




principali transizioni in evoluzione - come l'origine della vita, la comparsa di cellule eucariotiche, e




 




origine della capacità umana di lingua, per citarne alcuni .. non può essere descritta in modo soddisfacente da




 




modelli consolidati di microevoluzione. Ciò che è necessario è un modello aperto, in cui evolutivo




 




novità (o meglio, le rappresentazioni della stessa) possono continuare a sorgere a tempo indeterminato. Questo modello deve essere




 




correlate a un momento inesistente teoria di variazione , che a sua volta deve essere correlato alla teoria




 




organizzazione di oggetti, la cui evoluzione vorremmo descrivere [enfasi aggiunta]. (p.2040)




 




Per esempio, come Nelson (1993) afferma: "oggettivamente determinando [la] ottimalità [di




 




adattamenti] è tutt'altro che ovvia. "(p.3) Citando Endler (1986) a sostegno, Nelson tiene




 




che, mentre la selezione naturale e di altri meccanismi, come la deriva genetica di Kimura può




 




spiegare la diffusione di varianti e adattamenti in popolazioni, non possono spiegare la




 




origine di tali caratteristiche; di conseguenza, il ricorso alla metafisica "scatola nera" del caso in




 




(1995) descrizione di Dennett della tesi neo-darwiniana. Supporto aggiuntivo per questo




 




posizione è fornita da Ayala (1985b), il quale sostiene che




 




ci manca una teoria soddisfacente per spiegare l'origine delle novità evolutiva. genetica mendeliana




 




accoppiato con le teorie di mutazione e selezione naturale fornire una adeguata concettuale




 




quadro per spiegare come i geni cambiano nel tempo, ma sono insufficienti per una completa




 




comprensione di come i geni è venuto per essere. (P.72)




 




Nagel (1986), tuttavia, va molto più in là nella sua critica del darwinismo:




 




36




 




la teoria darwiniana della selezione naturale, assumendo la verità delle sue affermazioni storiche su come




 




gli organismi si sviluppano, è una spiegazione molto parziale perché siamo come siamo. Spiega la selezione




 




Tra queste possibilità organici che sono stati generati, ma non spiega le possibilità




 




loro stessi. Si tratta di una teoria diacronico che cerca di spiegare la particolare evoluzione percorso avrà




 




attraverso una serie di possibilità in determinate condizioni. Si può spiegare il motivo per cui le creature di visione o




 




ragione sopravviverà, ma non spiega come visione o di ragionamento sono possibili. Questi non richiedono




 




spiegazioni diacronici ma senza tempo. La gamma di opzioni biologiche su cui la selezione naturale può




 




operare è straordinariamente ricco, ma anche fortemente vincolata. Anche se casualità è un fattore




 




determinare quale mutazione apparirà quando (e l'entità della casualità è apparentemente in




 




controversie), la gamma di possibilità genetiche non è di per sé un evento casuale ma necessaria




 




occorrenza dell'ordine naturale. La possibilità di menti capaci di formare progressivamente più




 




concezioni oggettive della realtà non è qualcosa che la teoria della selezione naturale può tentare di spiegare,




 




poiché non spiega possibilità a tutti, ma solo selezione tra loro. (Pp.78-79)




 




 




 




pagina 39




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




Questa posizione è supportata da Berlinski (1996) il quale sostiene che la selezione naturale è




 




"Il filtro, ma non la fonte del cambiamento" (p.10) e da Koestler (1978) il quale sostiene che




 




"si tratta di un errore comune tra gli evoluzionisti a confondere il processo di eliminazione del




 




inadatti con il processo di evoluzione verso un ideale unica del `fitness '." (p.171)




 




Secondo Gould (1997), "come minimo, per spiegare percorsi evolutivi attraverso




 




tempo, i vincoli imposti dalla storia salire a uguale rilievo con l'immediato




 




vantaggi di adattamento. "(p.4) nel sostenere un approccio pluralistico allo studio di




 




evoluzione, egli contesta (1995) l'interpretazione algoritmico di Dennett del processo: mentre




 




la selezione naturale (come interpretato sotto il neo-darwinismo) può fornire una necessaria




 




condizioni e una base meccanicistica per "la parte di ingegneria della biologia" (p.5), è di gran lunga




 




venga stabilito che esso costituisce una sufficiente condizione per la spiegazione




 




fenomeni biologici. Per esempio,




 




la selezione naturale non spiega perché molte transizioni evolutive da un nucleotide in un altro




 




sono neutrali, e quindi non adattivo. La selezione naturale non spiega il motivo per cui un meteorite si schiantò




 




la terra 65 milioni di anni fa, mettendo in moto l'estinzione di mezza specie del mondo. (P.5)




 




Anticipando gli approcci neo-strutturalista adottate dalla Kauffman (1996) e altri




 




coinvolgendo applicazione della teoria del caos e della complessità alla biologia, Ho e Saunders




 




(1982) sostengono che "la nuova opposizione al neo-darwinismo riconosce la




 




la complessità e l'organizzazione negli esseri viventi ". (p.90) Ci sono due punti da notare in questo




 




rispetto: in primo luogo, come ha sostenuto Dennett (1995), non è necessariamente il caso che neo




 




Darwinismo e complessità teorica approcci si escludono a vicenda. Questa posizione




 




è supportato dal fatto che il primo assume una dualità metafisica `caso e




 




necessità 'mentre il secondo sostiene che il caso può essere reso epistemicamente




 




commensurabile con ontical necessità data la capacità di generazione di "deterministica




 




casualità "(Davies, 93) in sistemi dinamici non lineari (capitolo 2) e il nascondimento




 




variabili interpretazione dei fenomeni quantistici (capitolo 4); in secondo luogo, e più




 




Soprattutto, si potrebbe sostenere che gli approcci strutturalisti sono implicitamente impegnati -




 




con neodarwinismo - a una metafisica externalistic definiti in termini di efficienza




 




causalità. Tuttavia, Rose et al. (1984), sostenuta da Bateson (1988), criticare la




 




vista passivo dell'organismo che è motivato da una interpretazione esternalista di




 




evoluzione, implicitamente citando l'effetto Baldwin in difesa della loro posizione:




 




Gli organismi non semplicemente adattarsi a, ambienti autonomi preesistenti; loro creano,




 




distruggere, modificare e trasformare internamente aspetti del mondo esterno con le proprie attività di vita di




 




rendere questo ambiente. Così come non vi è alcun organismo senza un ambiente, quindi il loro non è




 




ambiente senza un organismo. Né organismo nè ambiente è un sistema chiuso; ciascuno è aperto




 




all'altro. (P.273)




 




Di conseguenza, postulando un ambiente autonoma - e, di conseguenza, un




 




ontologia definito in termini di relazioni esterne - è problematica:




 




Il problema con il tentativo di descrivere un ambiente autonoma è che c'è un'infinità di modi




 




in cui i bit e pezzi del mondo possono essere messi insieme per rendere gli ambienti. Dobbiamo fare




 




una chiara distinzione tra un mondo esterno non strutturata delle forze fisiche, e l'ambiente




 




 




 




pagina 40




 




Capitolo 6




 




Poi




 




UN'




 




sis




 




Questo è, in un certo senso, una riaffermazione del concetto di evoluzione presentato da Herbert Spencer a First Principles




 




37




 




(1862), vale a dire: un cambiamento da una omogeneità incoerente un'eterogeneità coerenti, e coinvolge due nozioni:




 




(i) la differenziazione e (ii) ordine .




 




(Letteralmente, le frazioni) di un organismo, che è definita dall'organismo stesso. (P.273)




 




Essi offrono il seguente elenco di modi in cui gli organismi determinano i loro ambienti,




 




cioè (i) la realizzazione, (ii) trasformazione, (iii) trasduzione e (iv) modifica del




 




modello statistico di variazioni ambientali (pp.274-275). A sostegno di un tale




 




interpretazione dell'organismo, Piaget (1976) fornisce le

publicado por plexux às 14:41

Agosto 2016
Dom
Seg
Ter
Qua
Qui
Sex
Sab

1
2
3
4
5
6

7
8
9

14


30


arquivos
https://www.instagram.com/giacintophttps://www.instagram.com/giacintop
mais sobre mim
pesquisar
 
blogs SAPO