g.plexux

01
Mar 17
ajp1kehimxsbwg3l — gpdimonderosee`Essere-da-radura c'è l'evento-da-radura È evento-da-radurabixalex è al di là della morte fenoumenologia-da-radura  in sé è ontologia-da-radura EVENTUX spaziontotempora-da-radura EVENTUX in sé esserci-da-radura HEVENTUXdell'Essere che dà Essere d"oltranza si sta come d'estate gli uccelli da radura a falange METAfisica+dell'astrofisica    metastrontopologia=astrontopolologia physisastrontopologia katastrontopologia eVeNtuastr0ntopologiax ParadigMastrontopoloGy metastrontopologia=metastrontologia=metastrologiaristopia axiomatopia creastrontopologia eventopia eventastrontopologiax fenoumenastrontopologiax Gravitastrontopologia ikonoltranza intereventux, katatopia, kreatopiax, kreatrix, liberarkia, mathesix, mithox, mitopia, musagetopia, musikx, nihilxoltranza, ontologostopia, ontology, ontosofiatopia, physix, relatoltranza stringoltranza stringx deax

KatHEVENTUX dell'Essere ontologia "l'ontologia è KatHEVENTUXdell'essere ontotempora è l'essere Dall'ontologia dell'essere KatHEVENTUX

KHATHEVENTUX Dà DaL nulla GestellHEVENTUX vi è l'Essere KHATHEVENTUXdell'ontologia ontopologia oltranza dalla mEtAfIsiKA. È là esserlì oltranza "Ontologia del KHATHEVENTUX l'ontologia è onpotologia. Ontopologia del KHATHEVENTUX dell'essere è al di là dalla metafisica è lì KHATHEVENTUX'ontologia dell'EssereventOltraNza  Dalla mEtafisica della mortE della metafisica ontologiaoltranza dell'Essereventoltranza dalla mEtAfisiCa Dell'essere-nel-mondo. In sé la sublimoltranza è l'eventoltranzabissale dalla metaphysis. Da Essere essere-nel-mondo è  Da` Essere-ci'

Da`essere-in-sé: essere-ontologico là Da Essere Da essercI oltranza dell'essere-eventità  Da essere"là"  ontologia là ontopologia  Da'Essere oltranza-ontologica"là è là

ontologiaoltranza essereventux in Sé Dal noumenoltranzabissale ontologica eventità dell'essere  in Sé Da essere senzaperché Dalla radurabissaleventità Da esserne C'è dà in sé Noumenoltranzabixaleventux là in sé. Da

Essere KHATHEVENTUX Da-essere-nel-mondo Dall'ontologia Da'essere dell'esserci Da esservi  Da là  Da-esserci-nel-mondontologico:  Da-essere-nel-mondo è radura ontologica È noumenontologico dell'essere-nel-mondontologico dell'essereKHATHEVENTUX in  Sé Senzaperché oltranza dalla metafisica.

È fenoumenontopologico Da-essere-nel-mondo mondità ontologica esserci dell'Essere in  Sé Da sé è essere-nel-mondo senzaMetafisiCa. EVENTontologicità  Dell'essere in sé radura in sé vi è Da-essere-nel-mondo-spazialeventità mondità Da creatrice crea Da Sé Dà KHATHEVENTUX là'Essere in Sé oltranza'già ontologica In sé Ontopologica-CataOntologica in Sé Da" Essere là KHATHEVENTUX Da ontopologia exstasix dell'essere-in-sé-là dal KHATHEVENTUX senzaperché creaoltranza dalla metafisicità. Là è creazioltranza dall'intenzionalità scientificametafisicità è creazionalità d'essere là. Da là l'Essere in Sé KHATHEVENTUX Da'esserci Già esservi ontopologia in sé Ontopologica oltranza dalla metafisica epistemica si dà exstatica là vi è in Sé Da Sé dell'Essere In sé vi è là epifenoumenontologia al di là della metafisica Da creatriCE ontopologica là Da essere olTranza è `mondità  Da KHATHEVENTUX`Da oltraNza Da-radurabissale fenoumeno-da-radura ontologia-da-radura dell'esserci-da-radura al di là d'al di là-crea Crea-Già catastrofE-da-radÜrabyXalex” in sé là AL«di»Là»dellaMeTafiSica.  Xoräbixal’EVENTÜX«là è»EVENTÜX è già futurità. noumenoltranzabissalevento eventoltranzabissale in sé=evento-da-radurabixalex oltranza-abissale=evento-oltranza-abissalevento-oltranza-abissale=evento-da-radurità oltranza-abissaleX=evento-oltranza-abissaleX esserci-da-radura

La morte è ontostoria EVENTÜX della morte metafisica Oltranza dalla morte della metafisica della Morte-metafisica  già––––Oltranza dalla morte della metafisica al di là della METafisica della mortE oltranza/DaLLA METAFISika»–OLtraNza––DALLA–metaphysicA’ ’EVENTÜX RapsodYx-da-radura «È» OltrAnzA–DALLA–METAFISICA– è

"Nulla dal nulla"   CataStrofE-da-radurabixalevENTOltranza raduraoltranzAbixalex  Apeironoltranzabixalex dell'Essere  physix dell'Essere È 

al di là della metafisica-razionalità scientifica. È nella radura dell'Essere Da pensare. 

Essere È `evento 'è di per sé eventoltranzabissale=evento-da-radura oltranza-abissale=evento-oltranza-abissalevento-oltranza-abissale=evento-oltranza-abissaleX=evento-oltranza-abissaleX esserci-da-radura

crea Da sé ontologia da radura dell'essere

`Da là Nulla da radura nihil-Da-radura `mondità Da radura

noumeno-da-radura noumenoradura in  Sé È

Da radura. È  Da radura ontologica  in Sé. È sé Nihilx Da raDura- che  Dasein è nulloltranza essere-d'oltranza relatoltranza creatioltranza exnihiloltranza nihiloltranza nihilx D'oltranza l'Essere D'oltranza'ontologia d'oltranza essere D'oltranza è exstaticoltranza essere D'oltranza

Essere è l'essere d'oltranza. L'essere Dio è, ma lui non esiste. La proposizione `l'essere umano da solo esiste 'non a tutti 



significa che l'essere umano è solo un essere reale, mentre tutti gli altri esseri sono irreali e semplice 



apparenze o rappresentazioni umane. La proposizione `l'essere  ek-sistenza  ontologica Daseins problema ', invece, può essere definito come il problema di determinare se gli esseri di un'altra



ontical genere - e, di conseguenza, che possiede sia una capacità di linguaggio alternativo o nessuna capacità di lingua a tutti - può 



essere un `c'e '(  Da o` compensazione') per essere, cioè, un `luogo 'in cui l'Essere può manifestarsi (unconceal, venire a



presenza). 



La questione sarà ulteriormente esaminato nel capitolo 6.5.6. 



 134 



esistenza non significa semplicemente essere reale. Pietre e persino Dio non esistono nel suo senso del termine. 



Esistono solo esseri auto-interpretazione. (P.15) 



Si potrebbe sostenere che questa posizione è problematico in quanto se la classe di autointerpreta 



Gli esseri non è identica alla classe degli esseri umani - e questo sembra essere il 



implicazione della dichiarazione Dreyfus '- quindi non umani  Daseins deve esistere. Questa posizione



è implicitamente sostenuto da Macquarrie (1973) il quale sostiene che "  Dasein è un



termine ontologica. Esso designa  l'uomo nei confronti del suo essere : e se questo tipo di essere è



trovato altrove che in umanità, allora il termine  Dasein potrebbe essere applicata in modo appropriato. "



(P.66) Tuttavia, se questo è davvero il caso, non è chiaro il motivo per cui Dio e pietre dovrebbero essere 



esclusi  a priori da questa categoria di esseri in quanto non è escluso - sulla base di ipotesi



di, rispettivamente, il teismo o l'animismo - che questi ultimi  sono auto-interpretazione. difendere la



esclusione dal ricorso alla messa a terra di auto-interpretazione esistenziali come l'essere- 



mezzo (cioè,  la preoccupazione con esseri) e essere-con (cioè, la sollecitudine di altre Daseins )



è problematico perché  di Dasein essenza è `esistenza ', che significa la trascendenza , vale a dire.



la capacità di apprezzare la differenza ontologica tra gli esseri e di essere  in quanto tale 



(sezione 6.5.4); di conseguenza, la  definizione caratteristica del Dasein non è il suo rapporto con altri



Gli esseri, altri  Daseins o del mondo, ma piuttosto di Essere in quanto tale ( Seyn ). Non è possibile



che Dio e pietre possono - in qualche modo -  trascendere all'Essere? A sostegno di quest'ultimo



 132 



posizione, è significativo che Heidegger (1995) sostiene una variante esistenziale dell'altro 



problema menti, vale a dire. "quanto ne  sappiamo ", essere umano e Dasein sono coestensivo.



 133 



Da questo, sembrerebbe che l'ontologia (essere) è determinata (cioè vincolato) by 



epistemologia (conoscere). Di conseguenza, è ragionevole chiedersi se vi  è - o



anche  può essere - in modo non arbitrario su cui giustificare l'esclusione di Dio e pietre



dalla classe di esseri autointerpreta. Nel tentativo di rispondere a questa domanda, è 



fondamentale per comprendere che, per Heidegger, sapendo è un modo (modalità) dell'Essere; 



Inoltre,  Dasein di Conoscere non è in primo luogo la riflessione tematica di un autonomo



Soggetto cartesiano (o ego), ma piuttosto la  comprensione situata di un linguaggio che utilizzano



essere-nel-mondo. In mostra di Heidegger,  loghi , cioè, la capacità di linguaggio , è un



condizione necessaria per la possibilità di trascendenza. Tuttavia, è importante 



Apprezzo il fatto che la  rappresentazione funzione del linguaggio si fonda nella sua primaria



(ontologica) funzionalità come un modo per  divulgare o `unconcealing 'essere come tale ( Seyn )



tramite la `raduno 'degli esseri (  Seiendes ). Come Heidegger (1959) afferma: "Logos come



 134 







pagina 126  



 Capitolo 6 



Poi 



 [ 



sis 



Inoltre, nella misura in cui  tecn 



 [ 



(artificing) è una modalità di  POI 



 [ 



sis (coming-indietro o portare-via) - come è



 135 



physis (emergenza naturale) - e poi 



 [ 



sis si riferisce al divenire appartenenti a Essere in quanto tale , l'uomo non lo fa -



in ultima analisi, - creare anche i propri manufatti (creazioni). Ciò deriva dal fatto che l'uomo è, lui stesso, un coming- 



indietro (o di diventare) dell'essere (come  physis ); di conseguenza, nel (1966) termini di Polanyi, dell'uomo prossimali manufatti sono distale -



derivato di naturalità incipiente (inteso come identico a  physis ). Tuttavia, contrariamente a (1995) affermazioni di Dennett



per quanto riguarda la messa a terra di una vera e as-se intenzionalità in `Madre natura '(vale a dire, l'evoluzione darwiniana via 



selezione naturale), questa messa a terra distale del  Techn 



 [ 



in  physis non comporta il supporto per il funzionalismo e



CEA "forte". Questo segue  solo se si può dimostrare che l'Essere ( Sein ) e diventando ( POI 



 [ 



sis ) degli esseri



(  Seiendes ) è universale, il che implica un impegno tacito ontical il monismo . Nella sezione 6.5.4, sarà dimostrato che



un'interpretazione monistica dell'essere (  Sein ) è problematico.



Secondo Heidegger (1959), "essere umano è stato inizialmente messo a terra nella divulgazione del benessere della 



 136 



essent "(p.175), che è, con il  Dasein 's di essere convocato (o raccolte) previsti dal Essere come il` compensazione' all'interno



che l'essere  come tale ( Seyn ) può auto-manifesto (unconceal) come THW Essere ( Sein ) degli esseri ( Seiendes ). Mentre si va



a dichiarare, "l'uomo deve essere intesa, entro la questione dell'essere, come  il sito che richiede l'essere in ordine



di rivelare se stesso. L'uomo è il sito di apertura, il là. La Essent si protende in questo c'è ed è soddisfatta.  Quindi 



diciamo essere che l'uomo è in senso stretto della parola `essere-là '. La prospettiva per l'apertura di essere 



deve essere messo a terra in origine nell'essenza dell'essere-lì come un tale sito per la divulgazione di essere. "(p.205) 



Come si vedrà nel paragrafo 6.5.4, ciò non implica relativismo soggettivistico (come in Kant); al contrario, esso 



 137 



è un argomento per  il realismo ermeneutica , che è, per apprezzare la situatedness dell'interprete all'interno del



ermeneutica (interpretativa) cerchio (più precisamente,  a spirale ), un cerchio che è la situazione storica in cui



raccolta diventa il fondamento dell'essere umano "(p.174) e" essere-umano era inizialmente 



fonda la divulgazione dell'essere della Essent. "(p.175) L'uomo è il` raccoglitore 'o 



raccolta-essere (  Seiende ), che è convocato-indietro da, con e per essere in quanto tale ( Seyn )



al fine di rivelare l'Essere (  Sein ) degli esseri ( Seiendes ); di conseguenza, di Heidegger (1993c)



a quanto pare asserzione criptico, vale a dire. "Essere arriva, si [compensazione tramite la compensazione o` Da ' 



cioè  Dasein ], al linguaggio. "(p.262) Come detto in precedenza, l'uomo non crea (naturale)



gli esseri; piuttosto,  è la compensazione o `sito 'all'interno Essere in quanto tale ( Seyn ) in cui l'essere



 135 



(  Sein ) - cioè, intelligibilità o significato - presenze come esseri ( Seiendes ) e nel quale



questo rendere presente ha un significato. Secondo Heidegger, "essere un uomo significa  prendere 



 136 



raccolta  su se stessi , di intraprendere una apprensione raccolta dell'essere della Essent,



l'incorporazione sapiente di apparire nel lavoro, e quindi di  amministrare disvelatezza,



per  salvaguardare contro cloaking e dissimulazione. "(p.174) Come indicato nel paragrafo 6.5.2,



lingua (  logos ) è la `casa 'dell'essere, quello in cui abita`' o manifesta attraverso



il `compensazione 'o` sito' fornito dal  Dasein , il linguaggio che usano `pastore 'di Essere. È



possibile che oltre gli esseri umani possono avere la lingua? Può Dio e pietre  parlare ?



Ci sarebbe sembrano essere solo due risposte a questa domanda, vale a dire. sì e no: l'ex 



si fonda in  anthropomorphism (cioè, estensione del Dasein ad esseri diversi



gli esseri umani) mentre il secondo è messa a terra in quella che si potrebbe chiamare `  antropologico 



chauvanism '(vale a dire, restrizione di Dasein agli esseri umani). Tuttavia, ciò che è



significativo su queste posizioni contrastanti è che sono  antropocentrica : Entrambi come-



indietro da un  Dasein umano , un auto-interpretazione essere che può essere nessuna interpretazione altro



quelli di sua proprietà. Quindi, la risposta alla domanda di  Dasein è relativo a quello richiesto



la questione, vale a dire.  Dasein umano . In breve, sia la limitazione del Dasein per la salute umana



 137 







pagina 127  



 Capitolo 6 



Poi 



 [ 



sis 



Dasein si `gettato 'di Essere. Come indicato al punto 6.5.2, Dasein non crea o costruire Essere; essere è



prima  Dasein ed è il terreno incipiente di quest'ultimo. Piuttosto, Dasein è il `luogo '(o punto) all'interno del



circolo ermeneutico dell'essere che viene utilizzato da Essere per facilitare la sua disvelatezza (manifestazione, coming-to 



presenza). 



In questo contesto, la proiezione si riferisce a  morphization , cioè, alla reinterpretazione dell'Essere ( Sein ) di un tipo



 138 



di essere in termini di Essere di un altro tipo di essere (e viceversa). 



L'uomo è un naturale nella misura in cui è  dato , cioè, `-gettato via ' da , da , di e per Essere come tale ( Seyn ).



 139 



E 'importante sottolineare che questo `lancio' di  Dasein nel mondo è un ontologica (o esistenziale) come



al contrario di un evento ontical (o causale):  Dasein è incipiente gettato da Essere in quanto tale, in un coinvolgimento



insieme ( `in 'dell'essere-nel-mondo),  Dasein non è un prodotto dell'attività causale dell'essere come tale (che



diventa così  un essere - forse il Dio della teologia ontical - dal momento che la relazione causale tiene fra gli esseri)



né è il `in 'di essere-nel-mondo spaziale (topologico, geometrica). Quindi, mentre  Dasein e World sono



anzi emergenti (vale a dire. unitario  gestalt essere-nel-mondo) di essere, questa emergenza non è causale, ma



incipiente. È significativo che la causalità (sezione 6.4.1.3) può essere fatta alla massima  ex nihilo nihil in forma come



convenzionalmente interpretato, vale a dire. nel senso di implicare un movimento tra gli esseri. Incipience, al contrario, possono essere rintracciate 



a questa massima come reinterpretata seguendo Heidegger, vale a dire.  ex nihilo omne ens qua ens in forma , una interpretazione che



lo rende commensurabile con la massima  creatio ex nihilo (punto 6.5.5).



Dio è qui interpretato come  naturale nella misura in cui egli (E) è `dato 'in contrapposizione a` made'. Realista, ontical



 140 



(O metafisico) la teologia è così assunto. 



essere e la  proiezione del Dasein al di là dell'essere umano sono interpretazioni del



 138 



Essere (  Sein ) degli esseri ( Seiendes ) da umano Dasein , si sent-avanti da Essere in quanto tale 



(  Seyn ). Sembra, quindi, che la questione relativa alle loghi di Dio e pietre



è indecidibile: Dato che il discorso è possibile solo tra i membri di un linguaggio- 



con comunità che condividono un linguaggio comune, e dato che questo linguaggio è di per sé 



a terra in background 'pratiche condivise `della comunità - pratiche che sono 



rispetto al l'Essere (  Sein ) degli esseri della comunità - ne consegue che, perché Dio



e le pietre non sono  umani esseri e, di conseguenza, non appartengono alla comunità di umana 



lingua-utenti, è impossibile determinare se o non hanno un  logo di loro



proprio. Questo risultato è importante perché sembra dare sostegno alla "f
publicado por plexux às 16:09

Março 2017
Dom
Seg
Ter
Qua
Qui
Sex
Sab

1
2
3
4

5
6
7
8
9
10
11

14
15
16
17
18

20
21
22
23

29
31


arquivos
https://www.instagram.com/giacintophttps://www.instagram.com/giacintop
mais sobre mim
pesquisar
 
blogs SAPO