g.plexux

18
Nov 16
3edp5xcib5ygh — Write.asEveNto KATASTROFX catastroFXeventità imageventux ESsereventualità paradox Lì spazialità eVentVx LA RAdurA Vi è nulla più. Eventità nulla dà séÈ lì Già in sé crea in sé evento È da essere già lì in sé crea EveNto-tragico in sé crea EveNto in sé È RAduRa crea EveNto in sé È RAduRA già lì in sé in sé per essere di sé in sé già già in sé già evento di sé già già già crea essersi crea
già lì in sé in sé già in sé già già in sé già evento giàXX già CreaXX
È già lì in sé crea lì vi è in sé in sé
crea vuoto lì evento
crea'evento dal nulla in sé spaziotemporalità creareSserE crea dell'essere crea CreA Recreantx È eventità dell'essere. dell'esserEvento Lì eventUx Vi è già.. È dell'essere spaziotempo creativo crea creativo crea creativa creatorx crea da sé la catastrofe creatività crea creazioneventestatica'intermittenza per creare crea evento Lì È dell'essere creativo. Già creatorx crea da sé la catastrofe creatività di creatività. L'eventux metàestatica'intermittenza in sé per creare la fine della filosofia crea creatura in sé È evento crea È essere crea
creabisSAle. È crea Da lì eventessere evento crea catastrofe crea catastrofe spaziotempo in sé dell'essere in sé crea crea creatività eventin sé essersi crea creato dalla creazione per sé spaziotempo crea crea creativo dell'essere crea exstatica crea crea È dell'essere disimmunità ontoimmunità
dell'essere
creabisSAle'essere crea in sé nihilxeventO creabisSAle. È crea vi è lì evento essereventux crea già crea è già'estaSi EVENTOdell'estasix. L'estasi è EVENTO exstasi vuotA exsTASi crea crea'abisSAlEVENTO Al di là in sé crea evento È crea crea creò crea risonanza Al di làrpreta L'unità della costrizione materiale delle leggi naturali e la coercizione spirituale delle leggi morali portato due mondi finora diversi insieme, e, di questa combinazione è nata la prima vera libertà. Animato da questo spirito, le nuove forme d'arte spengono le caratteristiche del vecchio ideale. Allo stesso tempo, la volontà emersa. La nuova forma riposa in sé, una creazione completamente chiusa schiudendo come se fosse da là, dallo spazio, senza indagini, senza resistenza. Bellezza, condizionato dal tipo, come statica esterna della razza nordica è ciò che è greco, mentre la bellezza razziale peculiare come una dinamica interna è la regolazione spirituale dell'Occidente nordico. Il volto di Pericle e la testa di Federico il Grande non sono che due simboli significanti l'ampiezza dell'anima corsa - di un ideale razziale della bellezza. E 'vergognoso, ma comunque un dato di fatto, che mentre ci sono numerose estetica, i prerequisiti inevitabili di estetica in generale, la rappresentazione dello sviluppo di ideali razziali di bellezza, non è ancora stata scritta. Delinea in questo senso sono finora da trovare solo in Rassenkunde di HFK Giinfher, e di Schultze Naumburg Kunst und Rasse. Laici, studiosi d'arte, anzi artisti stessi passare attraverso le gallerie senza vedere veramente nulla. Hanno letto poesie europei e cinesi egualmente senza vedere la vera essenza di una forma d'arte, perché cercano solo leggi universali. Ciononostante, e senza il riconoscimento, l'anima Nordic vola verso l'alto. Per provare questa sensazione si ha solo bisogno di gettare il suo sguardo ad una delle opere più degne della pittura europea, come ad esempio il Eyck Trittico con i bambini che cantano. I Eyck ripetere ancora e ancora e ancora la stessa immagine ideale di uomo nordico, dalla forma di bozza alle altezze svettanti delle loro opere successive. Il loro lavoro in forma interiore è l'eguale alla nostra anima razziale. Le belle tipi razziali nordici sono esempi di bellezza germanica razziale nella sua forma più pura. L'ideale Nordic dell'uomo mostra una profondamente solcato, volto virile come il volto di Dio. Uno spirito simile è mostrato nelle teste Eyck nel museo di Berlino. E, nel raggiungere nelle stesse profondità, si vede che il mito del 20 ° secolo 66 il dio, per mezzo del quale Michael Angelo risveglia Adam, è lo stesso capo di Dio visto nel lavoro di Van Eyck, anche se Michelangelo non avrebbe potuto avere la minimo sentore della creazione Eyck. Viene visualizzata la stessa testa - anche se modificata con tensione spirituale - sulla figura di Mosè tremante di rabbia. Per rappresentare figure di alto potere era possibile un olandese nonché l'italiano solo se utilizzati all'ideale Nordic. Né Jan van Eyck né Michelangelo potevano incarnare il loro ideale di nobiltà, forza e dignità attraverso un volto di razza ebraica. Basta immaginare una faccia con naso adunco, cadenti labbra, occhi neri lucenti e capelli lanosi, al fine di realizzare l'impossibilità artistica di incarnare il dio europeo attraverso una testa ebraico - e tanto meno attraverso una figura ebraica. Questo riconoscimento da solo dovrebbe essere sufficiente a convincere uno della necessità di rifiutare l'idea del tutto interiore del dio dell'ebraismo che costituisce la sua essenza con l'esterno ebraica. La nostra anima è stato infettato dallo spirito ebraico in questo senso. I mezzi per questo erano la Bibbia e la Chiesa di Roma. Con il loro aiuto, il deserto demone è diventato il dio d'Europa. Chi si oppose questo dio è stato bruciato o avvelenato. L'uomo occidentale si è salvato solo attraverso la sua arte. In figura e nella pietra ha creato il suo Dio, nonostante la tragica lotta. Per realizzare una bellezza interiore di colore e marmo, e di collocare l'intero ricchezza al servizio di uno spirito; incarnare un dio, anzi, come la bellezza, solo l'artista europeo è stato in grado. Basta guardare a Sibille Michelangelo 's, la sua Geremia, suoi schiavi, i suoi ragazzi o il suo Lorenzo di incontrare il Nordic spiritualmente Credo razziale. Praticamente lo stesso ideale di bellezza è stato quello che ha guidato Tiziano attraverso tutta la sua vita. Il suo amore celeste e terrena e Venere (Berlino) ci ha dato un tipo di donna. Questo è dimostrato anche a noi nelle donne sul Partenone timpano che erano anche le donne che una volta è venuto con i conquistatori germanici sulle Alpi. Flora di Tiziano, la sua santa famiglia (Monaco di Baviera) ripetere la stessa lingua. Giorgione, come un collega veneziano, creato a sua Venere un'opera virtuale classica del Nordic bellezza femminile. Palma Vechio, un altro veneziano, ha trovato piacere nel nulla così tanto come in bionda, dagli occhi blu, le donne alte, come nelle sue tre sorelle a Dresda. Questo ideale di bellezza è stato così fortemente impresso che le donne oscure avevano i capelli biondi tinti per apparire bella. Ancora un altro grande Nordic italiano deve essere menzionata qui: Dante. Il suo ideale di bellezza è anche germanica condizionata, e trova forse la sua espressione più diretta nella sua pietra Canzoni. E quando Dante incontra Re Manfredi in purgatorio, egli scrive: mi voltai e lo guardò dritto in faccia, Blond è stato, bella e nobile aspetto Da qui è solo un passo di Rubens. Ha certamente sopravvalutata la carnosa, ma la struttura delle sue donne è determinata, tuttavia, tutto dal tipo di razza nordica, che, come una volta in Grecia, è posto in contrasto con la breve, toro collo, basso sopracciglia, Fauni giro guidato. Rembrandt è stato ben versato nella Bibbia, o, più correttamente, ha letto la Bibbia stessa piccola, ma ha studiato il libro di Paesi Bassi 'popolare, la Trouringh da Jacob Cats. Ha tenuto le sue descrizioni in quasi tutte le occasioni, e si credeva l'obbligo di dipingere molti capi ebrei al fine di rappresentare correttamente le storie bibliche. Non appena Rembrandt trattata le cose sul serio, ha abbandonato il suo interesse nel ghetto di Amsterdam. Il padre del figlio prodigo (Pietroburgo) è stato ceduto di tutti gli attributi ebrei. E 'un, vecchio, uomo alto nordico con intellettuali, le mani gentili. La regolarità del pittore nordico italiano era estraneo a Rembrandt come lui non ha cercato di rappresentare il nostro pensiero in atmosfera, sinfonie di colori tono e mistica. Tuttavia, il suo Cristo in Emmaus (Parigi) è allo stesso modo della sensibilità nordica, come lo sono i ritratti di sua madre (Petersburg). La splendida figura di Danae mostra che Rembrandt non poteva rappresentare la vera bellezza diverso da quanto aleggiava prima che l'anima di Giorgione. Uno dei ritratti più sensibili di Rembrandt si chiama sposa ebrea, ed è interessante avere affermare che anche qui ogni caratteristica di bellezza ebraica manca, sostituito da robusto, eppure tenero, sentimento nordico. ritratti di Raffaello non solo mostrano belli, virili figure potenti, come i nostri filosofi dell'arte ci hanno assicurato, ma sono forme di realizzazione della stessa anima razza nordica che vediamo nel autoritratto giovanile di Raffaello. Un acuto osservatore ha correttamente osservato che il bambino Gesù della Madonna Sistina è francamente eroica nello sguardo e la postura (Wolfflin). Questo è giustamente espresso eccezione del fatto che il terreno fondamentale è carente sul motivo per cui la famiglia ebrea apparente aveva un aspetto eroico ad esso. Qui, solo la composizione e la distribuzione del colore, non l'interiorità e la dedizione, stanno determinando. Questi sono i prerequisiti per il successo di una volontà formativa, ancora una volta, l'ideale razziale della bellezza. Per visualizzare al posto della bionda dai capelli, luce scuoiati Gesù bambino un nero blu, lanoso pelo, marrone pelle Ebreo ragazzo sarebbe stato impossibile. Allo stesso modo, non possiamo pensare di una madre ebrea di Dio o di un santo, anche se quest'ultimo aveva il volto nobile di un Offenbach o di Disraeli. Il mezzo di espressione della nostra anima è sempre stata la nostra arte razziale nordico. E 'stato il cosiddetto chiese cristiane che per primo ci ha dato la possibilità di tale espressione. Ma si deve notare che, a questo proposito anche,tutto grande è stato realizzato nonostante la natura antica biblico. Una sequela di vecchio spirito biblico attraverso una forma di realizzazione letterale nell'arte avrebbe risvegliato solo repulsione e risate di scherno. Se avessimo seguito gli insegnamenti romani ebrei di tipi di arte razziali, non avremmo mai avuto la bella Madonna di Holbein a Darmstadt, le donne di Raffaello, o figure di Botticelli. Si può seguire questi esempi attraverso l'intera storia dell'arte occidentale. Certamente vi è spesso una miscela con altri, Mediterraneo occidentale, tipi alpine e Dinariche orientali, ma, ancora e ancora, la bellezza razziale Nordic viene alla ribalta grandi e dominante, come la stella ideale e di guida. Appena uno su mille tra noi è sagomato completamente in conformità con questo ideale. La comparsa di molti spesso non è in accordo con l'immagine ereditaria. Il desiderio, tuttavia, che ha creato e modellato, cercava sempre rivedere se stessa nella stessa direzione. Basta guardare alla testa di Leonardo Da Vinci, il ritratto di sé di Tintoretto (Parigi), l'autoritratto del Durer giovanile è la stessa anima razziale che noi ci vedono affrontare. Il 19 ° secolo mostra qui, come in tutte le cose, un certo interruzione da altri problemi - paesaggio, e così via - è apparso in primo piano. In Germania, Uhde e Gebhard hanno cercato di continuare nel senso di realizzazione di bellezza nordica, ma sono rimasti incorporato nel passato. Essi non aveva il potere di spinta del genio. Hans von Marees fatto sforzi per adeguare la forma greca e si torturava. Nella ricerca di bellezza durante tutta la sua vita si è rotta - non è sorprendente perché era mezzo ebreo. Feuerbach cercato anche mentre si vive nel sud. Anche lui, non è riuscito, nonostante il suo materiale. L'emergere della città ha accelerato l'opera di distruzione razziale. I caffè di notte degli uomini di asfalto sono stati trasformati in studi. Teorici, dialettica bastarda divenne la preghiera che accompagna di sempre più nuove tendenze. Abbiamo visto il caos razziale dei tedeschi ed ebrei. famiglie Street, alienati dalla natura, è apparso sulla scena. Il risultato è stato l'arte bastardo. Vincent van Gogh, un uomo distrutto pieno di nostalgia, vagava avanti a dipingere. Voleva tornare alla terra. La sua figura Contadina a Il mito del 20 ° secolo 67 lavoro era davvero moderno, cuore dell'arte moderna, che né il Rinascimento, né la scuola olandese né i greci avrebbero potuto fare. Si torturato per questo ideale e ha promesso che se avesse posseduto il potere in precedenza, allora egli avrebbe dipinto figure sacre. Questi sarebbero stati uomini come i primi cristiani. Oggi sarebbe perito con questa idea. Ha dipinto senza pensare. Ha dipinto senza spirito razziale. Le sue scelte folli inclusi: cavoli, lattughe, apparentemente al fine di calmarsi e Vincent dipinte alberi di mele, cavoli e pavimentazione pietre delle strade. Alla fine è diventato assolutamente folle.
publicado por plexux às 15:26

Novembro 2016
Dom
Seg
Ter
Qua
Qui
Sex
Sab

1
2
3
4
5

6
7
8
9
10
11
12

13
15
16
17
19

20
21
25



arquivos
https://www.instagram.com/giacintophttps://www.instagram.com/giacintop
mais sobre mim
pesquisar
 
blogs SAPO