g.plexux

27
Fev 17
  1. tt4rf1t81a427yz6 — gpdimonderose


si sta come d'estate gli uccelli da radura a falange METAfisica+dell'astrofisica

metastrontopologia=astrontopolologia physisastrontopologia katastrontopologia eVeNtuastr0ntopologiax ParadigMastrontopoloGy metafisica+dell+astrologia&sig=ACfU3U2PpeGSgz5llY17jXnMFeKWkYFvoA&edge=0”>
publicado por plexux às 15:52

24
Fev 17
Kataweb.it - Blog - giacinto » Blog Archive » evento-da-radura | 20linesGià catastrofE-da-radÜrabyXalex” in sé là AL«di»Là»dellaMeTafiSica.  Xoräbixal’EVENTÜX«là è»EVENTÜX è già futurità. La morte è ontostoria EVENTÜX della morte metafisica Oltranza dalla morte della metafisica della Morte-metafisica  già––––Oltranza dalla morte della metafisica al di là della METafisica della mortE oltranza/DaLLA METAFISika»–OLtraNza––DALLA–metaphysicA’ ’EVENTÜX RapsodYx-da-radura «È» OltrAnzA–DALLA–METAFISICA– è

"Nulla dal nulla"   CataStrofE-da-radurabixalevENTOltranza raduraoltranzAbixalex  Apeironoltranzabixalex dell'Essere  physix dell'Essere È 

al di là della metafisica-razionalità scientifica. È nella radura dell'Essere Da pensare. 

Essere È `evento 'è di per sé eventoltranzabissale=evento-da-radura oltranza-abissale=evento-oltranza-abissalevento-oltranza-abissale=evento-oltranza-abissaleX=evento-oltranza-abissaleX esserci-da-radura


publicado por plexux às 15:14

evento-da-raduranoumenoltranzabissalevento eventoltranzabissale in sé=evento-da-radurabixalex oltranza-abissale=evento-oltranza-abissalevento-oltranza-abissale=evento-da-radurità oltranza-abissaleX=evento-oltranza-abissaleX esserci-da-radura
publicado por plexux às 15:02

16a9b9t542txmlhh — gpdimonderosenoumenoltranzabissalevento eventoltranzabissale in sé=evento-da-radurabixalex oltranza-abissale=evento-oltranza-abissalevento-oltranza-abissale=evento-da-radurità oltranza-abissaleX=evento-oltranza-abissaleX esserci-da-radura
publicado por plexux às 14:37

23
Fev 17
tte6tfe8v2mfm0ss — gpdimonderosenoumenoltranzabissalevento eventoltranzabissale in sé=evento-oltranza-abissale=evento-oltranza-abissalevento-oltranza-abissale=evento-oltranza-abissaleX=evento-oltranza-abissaleX uccelli-da-radura
publicado por plexux às 14:12

22
Fev 17
g4eo1y89v3ug0tyx — gpdimonderose l’avrei rivista, e 

questo<BR> anche grazie alla nostra educazione – di rinuncia alle cose belle e 

di timore per<BR> le buone notizie. La mia educazione non era ancora terminata. 

Dopo il <B>collegio</B>.</DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina »</DIV></DIV>

<p><IMG src="https://books.google.it/books/content?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;hl=it&amp;pg=PT5&amp;img=1&amp;pgis=1&amp;dq=collegio&amp;sig=ACfU3U04sd5Swv3NHKlVwjVu745XUotoMw&amp;edge=0"></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina</DIV></DIV>

<p>

<p>Per loro un <B>collegio</B> svizzero è una referenza. Più tardi vidi le 

fotografie di una<BR> giovane donna che non le era dissimile: in piedi, come 

appesa. I nostri antenati<BR> non sono forse anche quelle ragazze che troviamo 

nelle fotografie di persone …</DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina</DIV></DIV>

<p>

<p>Anche se in <B>collegio</B> non si può parlare di genere umano. A tavola, 

qualche volta,<BR> la sentivo ridere, con la sua risata gratuita, che mi 

perseguitava anche di notte.<BR> Mi voltavo e tutti i visi erano seri. È inutile 

che io insista nel dire che nessun’altra<BR>…</DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina</DIV></DIV>

<p>

<p>Poco mi era permesso durante le vacanze dal <B>collegio</B>. L’estate prima, 

gli ordini<BR> erano stati: vacanze al mare. Detestai la luce e mi ammalai. Fu 

così che, se mi<BR> fosse stato concesso scegliere, avrei indicato un luogo 

d’ombra. E le sale di …</DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina</DIV></DIV>

<p>

<p>Anche Frédérique dormiva quando facevo le mie passeggiate. Sui prati 

scoscesi<BR> volavano bassi i corvi, deformi, vanagloriosi, crudeli. Li avevo 

paragonati alla<BR> nostra adolescenza, mentre cercavano, nella terra intorno al 

<B>collegio</B>, dove<BR> mettere …</DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina</DIV></DIV>

<p>

<p>Nel <B>collegio</B> dell’isola – un internato religioso – una ragazza leggeva 

ad alta<BR> voce durante i pasti. Quando la voce taceva, Mater dava il permesso 

di parlare.<BR> Si rientrava nella paganità . All’improvviso le voci, il ritmo 

delle posate. Le<BR>tedesche …</DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV>

<p class="sitb_result">

<p>

<p>Pagina</DIV></DIV>

<p>

<p></DIV>

<p>Nessuna anteprima disponibile per questa pagina.  <A href="https://books.google.it/books?id=vq1JCAAAQBAJ&amp;dq=evento-oltranza-abissale&amp;hl=it&amp;sa=X&amp;sitesec=buy&amp;source=gbs_snippet#v=onepage&amp;q=collegio&amp;f=false"><SPAN 

style="color: rgb(255, 0, 255);">Compra questo 

libro.</SPAN></A></DIV></DIV></DIV></DIV></DIV></DIV>

<p></DIV></DIV></DIV>

<P><INPUT name="history_state0" id="history_state0" type="text"></P></DIV></DIV></DIV>

<p tabindex="-1" class="goog-menu goog-menu-vertical">

<p class="goog-menuitem goog-option" id=":6">

<p class="goog-menuitem-content">

<p class="goog-menuitem-checkbox"></DIV>

<P>I miei libri su Google Play</P></DIV></DIV>

<p class="goog-menuitem goog-option-selected goog-option" id=":7">

<p class="goog-menuitem-content">

<p class="goog-menuitem-checkbox"></DIV>

<P>Recensiti</P></DIV></DIV>

<p class="goog-menuitem goog-option-selected goog-option" id=":8">

<p class="goog-menuitem-content">

<p class="goog-menuitem-checkbox"></DIV>

<P>Preferiti</P></DIV></DIV>

<p class="goog-menuitem goog-option-selected goog-option" id=":9">

<p class="goog-menuitem-content">

<p class="goog-menuitem-checkbox"></DIV>

<P>In lettura</P></DIV></DIV>

<p class="goog-menuitem goog-option-selected goog-option" id=":a">

<p class="goog-menuitem-content">

<p class="goog-menuitem-checkbox"></DIV>

<P>Da leggere</P></DIV></DIV>

<p class="goog-menuitem goog-option-selected goog-option" id=":b">

<p class="goog-menuitem-content">

<p class="goog-menuitem-checkbox"></DIV>

<P>Letti</P></DIV></DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>«Cosa ne hai fatto della bambola?». «Quale bambola?». Mi guardava dritto 

negli<BR> occhi. Lei l’ha sempre tenuta – e sembrava dire: addosso. La bambola, 

spiegò<BR> con pazienza, regalata dal <B>collegio</B>, la Sangallese, con il 

costume e la cuffia.</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Una governante, una monaca, una compagna di <B>collegio</B> fanno parte di 

una<BR> unità . Frédérique accennò a un uomo come a una parabola compiuta. La 

sera,<BR> quando tornai nella mia stanza con la tedesca, riflettevo. Noi siamo 

forse esperte<BR> di …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Le raccontai che a dieci anni avevo insultato una madre superiora dicendole 

«<BR>vacca». Che parola semplice, mi vergognai della mia semplicità  quando 

glielo<BR> raccontai. Fui espulsa dal <B>collegio</B>. «Chieda perdono» dissero. 

Io non mi scusai.</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Non parlava di giustizia. Né del bene e del male, argomenti che avevo 

sentito<BR> dalle insegnanti e dalle mie compagne da quando avevo messo piede 

nel primo<BR><B>collegio</B> a otto anni. Sembrava che parlasse di niente. Le 

sue parole volavano.</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>A quattordici anni ero educanda in un <B>collegio</B> dell’Appenzell. Luoghi 

dove<BR> Robert Walser aveva fatto molte passeggiate quando stava in manicomio, 

a<BR> Herisau, non lontano dal nostro istituto. È morto nella neve. Fotografie 

mostrano<BR> le sue …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Per un muto accordo, fra le ragazze di un <B>collegio</B>, viene scelta 

dall’inizio, con<BR> distratta affettuosità , quella che sarà  la reietta. E non 

perché l’una lo dica all’altra:<BR> è un impulso generale. Sono gli occhi 

malevoli, come rabdomanti, che scelgono<BR>…</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Ed è per questo che Frédérique ha lasciato il <B>collegio</B> e me. Non 

notai<BR> commozione nei suoi occhi. Né io mi commossi, per la morte del padre: 

mi<BR> spaventai per l’improvvisa partenza di Frédérique. Il signor banchiere 

ci<BR> separava. Frédérique …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Come le nostre vite. Per Sankt Nikolaus passammo tutto un pomeriggio fuori 

dal<BR><B>collegio</B>. Nevicava. Eravamo silenziose. Entrammo nella pasticceria 

di Teufen. Il<BR> paese sembrava assorto, addormentato. Sapevo che Frédérique 

aveva, o aveva<BR>…</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Quel <B>collegio</B> è stato distrutto. Non esiste più. Quando lo seppi, non 

potei<BR> nascondere la mia soddisfazione. Mi era parso immortale. Anche il 

maestoso<BR> scalone di marmo, e i letti circondati da garze, che annunciavano 

candore e<BR> morte, sono …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>E in quel <B>collegio</B> sapevamo chi di noi era la povera o orfana. Ce 

n’era una che<BR> non pagava la retta, e faceva piaceri, mostrava piccole 

attenzioni per la Mère<BR> préfète. E forse spiava. Eravamo gentili con lei, era 

di una famiglia decaduta,<BR> aveva …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>A lungo ho creduto che quelle che sono state in <B>collegio</B>, come 

Frédérique e me,<BR> e un giorno ce ne ricorderemo, possano vivere di niente, 

quando saranno<BR> invecchiate e deluse. Suona la campanella, ci alziamo. Suona 

ancora la<BR> campanella, …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Nel cassetto c’era la Bibbia, di proprietà  del <B>collegio</B>. Infine arrivò 

una busta<BR> listata di nero, non venne distribuita ai pasti, come avveniva di 

consueto, ma<BR> gliela consegnò la direttrice. Lei si sedette al tavolo, la 

guardò, la aprì, la lesse, la<BR> rimise …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Capivo quei bambini che si buttavano dall’ultimo piano di un <B>collegio</B> 

tanto per<BR> fare qualcosa di disordinato, e glielo dissi. L’ordine era come le 

idee, un<BR> possesso, una possessione. Avrei voluto conoscere suo padre, ma 

morì. Mele e<BR> pere sui …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Davanti – se il Presidente avesse avuto un arco, la freccia l’avrebbe colpita 

al<BR> cuore – la direttrice del <B>collegio</B>, la signora Hofstetter, alta, 

massiccia, piena di<BR> dignità , il sorriso infossato nel grasso. Accanto a lei 

il marito, il signor Hofstetter, …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Il <B>collegio</B> era avvolto da un vento sotterraneo, la vita marciva, 

oppure si<BR> rigenerava. Senza far rumore, passavo vicino al suo letto per 

andare nel bagno,<BR> un piccolo spazio con due ampi lavabi, uno per la tedesca, 

l’altro per me. Tante<BR> volte ci …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Era evidente che avrei dovuto passare i miei anni migliori in 

<B>collegio</B>. Dagli otto<BR> ai diciassette. Prima mi avevano lasciato con 

una anziana signora, una mia<BR> avola. Un giorno decise che non sopportava più 

la mia compagnia, diceva che<BR> ero …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Lo apprezzavo da quando avevo otto anni, interna nel primo <B>collegio</B>, 

religioso. E<BR> forse furono gli anni più belli, pensavo. Gli anni del castigo. 

Vi è come un’<BR>esaltazione, leggera ma costante, negli anni del castigo, nei 

beati anni del<BR> castigo.</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Avevo una certa esperienza della vita di <B>collegio</B>. Fin dall’età  di 

otto anni ero<BR> interna. Ed è nei dormitori che si conoscono le proprie 

compagne, davanti ai<BR> lavabi, nelle ore di ricreazione. Il mio primo letto di 

<B>collegio</B> era circondato da<BR> tende …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Tornai in <B>collegio</B> e passai il tempo con la sofferenza, che è anche un 

modo per<BR> passarlo. Lessi il biglietto che mi aveva dato alla stazione, due 

piccoli fogli di<BR> carta a quadretti di sette centimetri. La sua calligrafia 

dormiva come su una<BR> lapide, …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Fleur Jaeggy. I BEATI ANNI DEL CASTIGO A quattordici anni ero educanda in 

un<BR><B>collegio</B> dell’Appenzell. Luoghi.</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Lei non fa parte dei morti. Avevo la certezza che non l’avrei rivista, e 

questo<BR> anche grazie alla nostra educazione – di rinuncia alle cose belle e 

di timore per<BR> le buone notizie. La mia educazione non era ancora terminata. 

Dopo il <B>collegio</B>.</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Nelle vite di <B>collegio</B> ciascuna di noi, se ha un po’ di vanità , si 

costruisce la<BR> propria immagine, una specie di doppia vita, si inventa un 

modo di parlare, di<BR> camminare, di guardare. Quando vidi la sua calligrafia, 

rimasi senza parola.<BR> Quasi tutte …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Per loro un <B>collegio</B> svizzero è una referenza. Più tardi vidi le 

fotografie di una<BR> giovane donna che non le era dissimile: in piedi, come 

appesa. I nostri antenati<BR> non sono forse anche quelle ragazze che troviamo 

nelle fotografie di persone …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Anche se in <B>collegio</B> non si può parlare di genere umano. A tavola, 

qualche volta,<BR> la sentivo ridere, con la sua risata gratuita, che mi 

perseguitava anche di notte.<BR> Mi voltavo e tutti i visi erano seri. È inutile 

che io insista nel dire che nessun’altra<BR>…</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Poco mi era permesso durante le vacanze dal <B>collegio</B>. L’estate prima, 

gli ordini<BR> erano stati: vacanze al mare. Detestai la luce e mi ammalai. Fu 

così che, se mi<BR> fosse stato concesso scegliere, avrei indicato un luogo 

d’ombra. E le sale di …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Anche Frédérique dormiva quando facevo le mie passeggiate. Sui prati 

scoscesi<BR> volavano bassi i corvi, deformi, vanagloriosi, crudeli. Li avevo 

paragonati alla<BR> nostra adolescenza, mentre cercavano, nella terra intorno al 

<B>collegio</B>, dove<BR> mettere …</DIV></DIV>

<p>

<p>Pagina</DIV>

<p>Nel <B>collegio</B> dell’
publicado por plexux às 15:27

21
Fev 17
Kataweb.it - Blog - giacinto » Blog Archive » angosciabissale

gpdimonderose



'Essere'Eventux dell'Essere POIesixeveNtux-là IN'sé'EventUx oltranza dalla metafisica'Perché c'è la storia dell'eventux anziché niente'nucleouxiax del pensiero dell'essere-ontostoria dell'Essereventux. La storia dell'evento al di là della metafisica si dà esserevento oltre la metafisica dà è di per sé la storia dell'eventux stabilità-Creatrix in sé creatrice dell'evento di per sé di per sé'abissaleventux:Perché c'è l'evento anziché il nUlla là è eventontostoria dell'eventux dell'essere in sé'oltre l'essenza della metafisica'essere-oltranza dalla metafisicadeguata si è ontostoria dell'eventità per Essere in Sé ontoStoria Dell'Evento là essereventux dell'Essere della verità nella ontostoria dell'eventux dell'Essere la verità dell'esserevento impensato esserevento Dell'ontologia 'dell'essere in sé dell'Essere.
EventEssere oltranza dalla metafisica È evento
ereignistory eventodell'Essere: l'Essereventontologia è oltranza Dalla mEtafisica In sé oltranzabissale già l'Essere senzaperché comprensione dell'essere già physix dell'essere già Là Eventux nient'altro. Nullabissalessere vuoto è vuotonullabissAle oltranza dell'essere Poiesix oltranzabissalità dalla-meta-fisica-ouxiax
fisica'dall'In sé vuotoLtranza dalla metafisica già in sé senza-Metafisica vuota là physix-ontophysix già lì physixabixaleventux physixexstatica dell'essere in sé è
al di là della metafisica in sé verità ontologicApeironAbissale che è al di là della metafisica cos'è metafisica?– Già catastrof’EVENTÜX” in sé là AL«di»Là»dellaMeTafiSica. Xoräbixal’EVENTÜX«là è»L’essere per la morte»MetAEVENTÜX–––esserci È al di là Già dopo la morte»–della MetAfisica. «PoiesixEVENTÜX–––della catastrofEVENTÜX––impensata È là–Là–già già in«sé»–evento’abissale Là singolarità È già al di là della metafisica-della-morte già’ontologia catastrofEVENTÜX-della «metafisica’ della morte’al di là della morte–della–metafisica–essere-per-la-morte– della-metafisica esserci già in sé futurità È la morte della Metafisica della morte l’essere-per-la-morte della metafisica della morte per la morte della metafisica della “morte” metafisica del paradigma al di qua dell'ontologia del paradigma»
La morte è EVENTÜX è già futurità. La morte è ontostoria EVENTÜX della morte metafisica Oltranza dalla morte della metafisica della Morte-metafisica già––––Oltranza dalla morte della metafisica al di là della METafisica della mortE oltranza/DaLLA METAFISika»–OLtraNza––DALLA–metaphysicA’ ’EVENTÜX RapsodYx «È» OltrAnzA–DALLA–METAFISICA– è
“Nulla dal nulla” CataStrofEvENTO
Dasein come una radura all'interno di Essere -

publicado por plexux às 14:53

20
Fev 17
tdmmpwv6c09xt8wr — gpdimonderose'Essere'Eventux dell'Essere POIesixeveNtux-là IN'sé'EventUx oltranza dalla metafisica'Perché c'è la storia dell'eventux anziché niente'nucleouxiax del pensiero dell'essere-ontostoria dell'Essereventux. La storia dell'evento al di là della metafisica si dà esserevento oltre la metafisica dà è di per sé la storia dell'eventux stabilità-Creatrix in sé creatrice dell'evento di per sé di per sé'abissaleventux:Perché c'è l'evento anziché il nUlla là è eventontostoria dell'eventux dell'essere in sé'oltre l'essenza della metafisica'essere-oltranza dalla metafisicadeguata si è ontostoria dell'eventità per Essere in Sé ontoStoria Dell'Evento là essereventux dell'Essere della verità nella ontostoria dell'eventux dell'Essere la verità dell'esserevento impensato esserevento Dell'ontologia 'dell'essere in sé dell'Essere.

EventEssere oltranza dalla metafisica È evento
ereignistory eventodell'Essere: l'Essereventontologia è oltranza Dalla mEtafisica In sé oltranzabissale già l'Essere senzaperché comprensione dell'essere già physix dell'essere già Là Eventux nient'altro. Nullabissalessere vuoto è vuotonullabissAle oltranza dell'essere Poiesix oltranzabissalità dalla-meta-fisica-ouxiax
fisica'dall'In sé vuotoLtranza dalla metafisica già in sé senza-Metafisica vuota là Per Heidegger (1973),” l'essenza primordiale decisivo dell'Essere “


publicado por plexux às 14:41

Fevereiro 2017
Dom
Seg
Ter
Qua
Qui
Sex
Sab

1
2
3
4

5
6
7
8
9
10

12
14
15
16

25

26
28


subscrever feeds
arquivos
https://www.instagram.com/giacintophttps://www.instagram.com/giacintop
mais sobre mim
pesquisar
 
blogs SAPO